fbpx

Alla scoperta di Fasano

Immagina un paese che accontenti ogni tua richiesta: dal mare cristallino, alla collina dove respirare aria salubre, senza però rinunciare alle comodità della città a misura di cittadino, in cui la modernità si fonde con la tradizione dell’antico.
Non è utopia, è Fasano.

Due righe però non sono sufficienti per raccontarla. Le sue caratteristiche richiedono una passeggiata tranquilla tra i suoi vicoli, respiri profondi in riva al mare e sguardi attenti dalle terrazze panoramiche dalle quale studiare il paesaggio verde che la contraddistingue.

È una donna limpida ma piena di sorprese, che non stanca e non annoia perché sa riscoprirsi ogni giorno diversa.

Partendo dal suo cuore pulsante, fatto di artigiani storici e nuove attività che non smettono di credere nella forza economica del proprio paese, Fasano si sviluppa in diverse frazioni.

Da Piazza Ciaia, abbracciata dalla maestosità dell’orologio che la osserva da un lato e dall’eleganza del Palazzo di Città che la protegge dall’altro, si entra nelle strade più antiche della città che, tra il bianco dei muri e i fiori ai balconi, portano sino ai Portici delle Teresiane.

Le estati, poi, si dividono tra il mare di Torre Canne e Savelletri e il territorio collinare silvano.
Difficile scegliere la meta del cuore in cui trascorrere il tempo nei mesi estivi, nei giorni di vacanza o nelle ore libere.

Partendo dalla costa è sorprendente vedere come il mare, sempre uguale, sempre azzurro, riesca a cambiare abito e accessori: dalle spiagge libere punto di incontro per i ragazzi, a quelle dotate di ogni comfort dove poter trascorrere in tranquillità il proprio tempo tra un aperitivo ed un buon libro. Dai granelli finissimi dove costruire i castelli più belli (e meno resistenti), agli scogli compatti che si fanno modellare dalle onde sino ad ottenere calette calme, dall’acqua bassa e quasi trasparente.

Il conto delle strutture balneari si perde così come lo sguardo verso l’orizzonte. È così che si riscopre la sinergia tra natura e attività umana, lì dove l’una diventa proseguo dell’altra.
Nascono così campi da golf immensi e masserie che, senza rinunciare alle loro particolarità tradizionali, si trasformano, da umili dimore per i proprietari terrieri, a resort di lusso.

Lasciando il mare alle spalle, ci addentriamo nuovamente nell’entroterra dove, prima di raggiungere la Selva di Fasano, incontriamo quella che è una delle attrazioni che richiama ogni anno migliaia di turisti: lo Zoosafari e il parco divertimenti Fasanolandia!
Un luogo dove, oltre a poter ammirare le specie più disparate di animali come in un vero Safari nel deserto, tra una zebra ed una giraffa curiosa, un elefante imponente e un leone sonnecchiante, si può dare sfogo all’adrenalina testando le diverse attrazioni.

Saliamo poi finalmente in collina, senza distrarci però: sarebbe un peccato, infatti, lasciarsi sfuggire il panorama che si dispiega sotto i nostri occhi, limpido e colorato di giorno e immenso e illuminato al calar del sole.

Immersi nella natura è possibile riscoprire il contatto con essa e con se stessi, lasciando la mente libera di vagare e i piedi liberi di andare tra le strade costeggiate dai tipici muretti a secco che le separano da distese di verde ed alberi in fiore.

Qual è il momento migliore della giornata per addentrarsi nella magia di questi paesaggi? E quale il periodo migliore dell’anno per scoprire questa terra?

Non esiste una risposta esatta, perché ogni mese nasconde in sé frutti succosi, cibi prelibati, tramonti diversi e sempre nuovi. È affascinante, però, scoprire che chiunque vi passi, anche di sfuggita, non possa far a meno di ritornarvi. Perché è una donna limpida ma piena di sorprese, che non stanca e non annoia perché sa riscoprirsi ogni giorno diversa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *